logo
logo
FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme
Facebook
HOME
FLAI-FIJET
EVENTI
ARCHIVIO
WEB-TV
GALLERY
LINK UTILI
Messaggio ai Soci

Quali aspettative per il Turismo nel 2023 ?



Dopo un pesante 2022 che abbiamo lasciato alle spalle, gli indici economici sono sorprendentemente positivi. Malgrado molti esprimano preoccupazioni per l'economia, l'ambiente e la sicurezza, il Turismo si preannuncia ai livelli pre-pandemia, le previsioni parlano di un +30% per l’industria turistica. La conferma arriva dalla presentazione della Bit di Milano che si terrà dal 12 al 14 febbraio e dall'assemblea annuale della Federazione Turismo Organizzato (FTO).

Ottimista è il nuovo ministro del turismo Daniela Santanchè: «Dobbiamo essere pronti per fare meglio nel 2023 e sfruttare tutte le offerte turistiche. Abbiamo registrato un aumento del turismo Usa, ma perso i turisti russi, un turismo di fascia alta, perdendo molti introiti. Ho la grande ambizione che il turismo diventi, non solo a parole, la prima industria d'Italia».

Oltre a Daniela Santanché, hanno partecipato alla conferenza Luca Palermo, AD di Fiera Milano, Valentina Superti, Direttore Turismo e Prossimità DG GROW (Commissione Europea), Magda Antonioli, Vicepresidente European Travel Commission.

«Le parole chiave sembrano essere sostenibilità, consapevolezza e resilienza», sottolinea Luca Palermo. I turisti scelgono attrazioni e località che rispettino le nuove tendenze.

___ CLICK QUI PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ___

230117-giulio-cesare-shakespeare

Tutto il mondo un palcoscenico e gli uomini e le donne sono soltanto attori


Immagino che saresti disposto a giurare che William Shakespeare scrisse l’Amleto.
di Maurizio Monti
Editore Istituto Svizzero della Borsa

Dai tempi della scuola e dell’Università, i tuoi professori di inglese hanno dato per certa la paternità dell’immenso repertorio di opere attribuite al grande drammaturgo inglese.

In realtà, molti particolari della sua vita non quadrano affatto.

Per certo, egli non si spostò mai dai luoghi dove era nato e dove esercitava la sua attività sicuramente accertata: che era quella di attore più che di scrittore.

Shakespeare nacque il 23 aprile 1564 a Stratford-upon-Avon (Avon è un fiume), non lontano da Birmingham, la seconda città del Regno Unito.

Oggi Stratford richiama turisti, che visitano la casa natale di Shakespeare, quella della mamma Mary Arden, la casa colonica di 12 stanze di sua moglie Anne Hathaway e, ovviamente, la tomba del grande William.

Curiosa attrazione di Stratford è anche un Pub, il Black Swan (sì, il Cigno Nero, come quello di Taleb Nassim), dove si incontravano gli attori dopo gli spettacoli teatrali.

Tutta la vita di Shakespeare è costellata di riservatezza e mistero, tanto che abbiamo in realtà poche informazioni di lui: salvo i documenti del battesimo dei figli, di fatto, fino al 1592 sappiamo quasi nulla di lui.

Sono di quell’anno, invece, numerosi documenti che attestano la sua ascesa come attore.

Oltre alla notorietà, come sempre accade, comparvero subito i primi detrattori, uno dei quali, Robert Greene, pubblicò una lunga invettiva dove definiva il rivale “un corvo parvenu”.

In concomitanza con la frequente chiusura a cui andavano soggetti i teatri, a causa delle epidemie di peste, risultano pubblicati i sonetti e i poemi attribuitigli.

Fu nel 1594, che Shakespeare si unì ad una compagnia teatrale importante, che ebbe anche l’onore di fare rappresentazioni alla presenza della regina Elisabetta I e, alla morte di quest’ultima, davanti a Giacomo I Stuart, successore di Elisabetta.

Questo fu probabilmente l’iniziativa che gli diede più fortuna economica, tanto da acquistare con i proventi numerose proprietà immobiliari in Stratford, nonché una quota della compagnia a cui apparteneva, di cui divenne anche amministratore.

Shakespeare morì a 52 anni, lasciando nel testamento, un rilevante patrimonio a una delle figlie, e “il suo secondo miglior letto con il mobilio” alla moglie. Proprio così, alla moglie il letto …

Molti studiosi di calibro mettono in dubbio che tutte le opere attribuitegli siano effettivamente state scritte da lui.

Parliamo di Mark Twain e di Charles Dickens, per citare due nomi storici della letteratura inglese, che non mancarono di manifestare numerosi dubbi.

In epoca recente, Dario Calimani, docente di letteratura inglese all’Università Cà Foscari di Venezia, nel suo saggio “William Shakespeare: i sonetti della menzogna”, dichiara che “non esiste un solo documento probante che leghi Shakespeare alle opere che gli sono attribuite”.

Durante la sua vita, non ci fu alcuno scambio epistolare da parte sua con altri scrittori o letterati. Nessuno scrisse nulla alla sua morte.

Nelle sue opere è citata spesso l’Italia, ma lui non si spostò mai da Stratford e Londra.

Una cosa curiosa, che desta numerosi sospetti, è che un suo contemporaneo, tale John Florio, di origini italiane, era letterato di grande cultura, docente a Oxford, beneficiario di incarichi di grande prestigio da parte della Casa Reale.

E’ stato Corrado Panzieri, cofondatore dell’Istituto di Studi Floriani di Milano, dopo venti anni di ricerche, ad ipotizzare che fu Florio a scrivere le opere, o la maggior parte di esse, che vennero poi attribuite a Shakespeare.

Per qualche ragione, Florio stesso favorì, volontariamente o forse no, la loro attribuzione a William Shakespeare. Di certo, era un modo per dare loro maggiore diffusione, grazie all’apprezzamento riscosso dal pubblico da parte di quest’ultimo come attore di teatro.

Sorpreso?

E’ quanto avviene spesso in finanza.

Abbiamo credenze consolidate, e ci sorprendiamo quando vengono messe in discussione.

Le credenze, che sono in realtà scorciatoie del cervello, ci danno sicurezza. Abbiamo bisogno di certezze quando parliamo di denaro e amiamo intrappolare il nostro cervello in tutto ciò che aumenta il nostro livello di comfort.

Se Fischer Black, Robert Merton e Myron Scholes si fossero appoggiati sulle credenze, non avrebbero sviluppato la formula che ha dato loro il Nobel e che viene utilizzata come metodo di calcolo del valore delle opzioni.

Con lo stesso criterio, dobbiamo abbandonare le presunzioni di certezza. Mettere in discussione tutto. Rifondare le nostre aree di comfort.

Una delle certezze tipiche che abbiamo è che in finanza dobbiamo seguire le previsioni e fare trading individuando la direzione del mercato.

Fare trading sulle previsioni è semplicemente sbagliato, il trading è basato su un metodo.

Non solo: se usi il metodo giusto, puoi guadagnare lo stesso, quando sbagli la direzione. E, con lo stesso metodo, se azzecchi la direzione guadagni anche di più.

In un imperdibile webinar, ti illustriamo esattamente come puoi trarre profitto da una strategia in opzioni qualunque condizione si verifichi dopo che l’hai messa a mercato: o meglio, come puoi aumentare in modo determinante la probabilità di trarne profitto.

ISCRIVITI AL WEBINAR



../ADV1/02.35.

Rete Netvision


la nuova tecnologia TV



Tavole rotonde e dibattiti
con partecipanti remoti
in uno studio virtuale.

Vedi i nostri programmi, crea i tuoi programmi.
Sono visibili in tutto il mondo su Web o Smart-TV, possono avere la traduzione in tempo reale in decine di lingue.

Sei sicuro che il tuo sito
non sia penalizzato da Google?



Il 90% dei siti è penalizzato da una realizzazione poco professionale ..."tanto il cliente non lo sa" !

Verificare non ti costa nulla: vai al Test di Google
... se non ottieni almeno 90/100 hai un problema,
... se ti dà molto meno hai un GROSSO problema !


Se hai dei problemi, noi te li possiamo risolvere.
Te lo dimostriamo? Google valuta così il nostro sito.
Riesci a trovare un altro sito con questa valutazione?

../ADV1/04-mms.15. MMS, nuova tecnologia
per creare il tuo sito web



  • Le pagine si caricano velocemente, quindi non perdi visitatori (certificato da Google).

  • Facilissimo da usare: impari ad aggiornarlo in 15 minuti, non paghi più un programmatore per farlo.

  • ../ADV1/05-mmshops
    Visita MMSHOPS.ORG, il marketplace virtuale creato per esporre e vendere prodotti e servizi. Crea e gestisci uno showroom o un e-commerce per promuovere le tue attività B2B e B2C.

    ../ADV2/01

    Raddoppia valore della pensione!



    Trasferisciti in un paese dove la vita costa la metà, il clima è migliore e la gente è cordiale: vieni in Tunisia o in Portogallo, i paesi migliori per trasferirsi.

    Affitti Tunisia ti aiuta a trovare casa e a fare tutte le pratiche in questi paesi.

    ../ADV2/02

    Fai le vacanze senza i pesanti sovrapprezzi dei soliti portali del turismo. Contattaci QUI




    Alla tua azienda mancano professionisti o lavoratori qualificati? Noi li troviamo via web e li selezioniamo secondo le tue indicazioni.

    Puoi intervistarli in videoconferenza e, se decidi di assumerli, ci occupiamo delle pratiche per il trasferimento nel paese in cui dovranno lavorare.

    Operiamo in Canada, Francia, Italia, Spagna, Tunisia e Portogallo, direttamente o con importanti partner locali. Le figure professionali più richieste: medici, infermieri, programmatori, saldatori, e personale per l'edilizia.


    230117-giulio-cesare-shakespeare

    Tutto il mondo un palcoscenico e gli uomini e le donne sono soltanto attori


    Immagino che saresti disposto a giurare che William Shakespeare scrisse l’Amleto.
    di Maurizio Monti
    Editore Istituto Svizzero della Borsa

    Dai tempi della scuola e dell’Università, i tuoi professori di inglese hanno dato per certa la paternità dell’immenso repertorio di opere attribuite al grande drammaturgo inglese.

    In realtà, molti particolari della sua vita non quadrano affatto.

    Per certo, egli non si spostò mai dai luoghi dove era nato e dove esercitava la sua attività sicuramente accertata: che era quella di attore più che di scrittore.

    Shakespeare nacque il 23 aprile 1564 a Stratford-upon-Avon (Avon è un fiume), non lontano da Birmingham, la seconda città del Regno Unito.

    Oggi Stratford richiama turisti, che visitano la casa natale di Shakespeare, quella della mamma Mary Arden, la casa colonica di 12 stanze di sua moglie Anne Hathaway e, ovviamente, la tomba del grande William.

    Curiosa attrazione di Stratford è anche un Pub, il Black Swan (sì, il Cigno Nero, come quello di Taleb Nassim), dove si incontravano gli attori dopo gli spettacoli teatrali.

    Tutta la vita di Shakespeare è costellata di riservatezza e mistero, tanto che abbiamo in realtà poche informazioni di lui: salvo i documenti del battesimo dei figli, di fatto, fino al 1592 sappiamo quasi nulla di lui.

    Sono di quell’anno, invece, numerosi documenti che attestano la sua ascesa come attore.

    Oltre alla notorietà, come sempre accade, comparvero subito i primi detrattori, uno dei quali, Robert Greene, pubblicò una lunga invettiva dove definiva il rivale “un corvo parvenu”.

    In concomitanza con la frequente chiusura a cui andavano soggetti i teatri, a causa delle epidemie di peste, risultano pubblicati i sonetti e i poemi attribuitigli.

    Fu nel 1594, che Shakespeare si unì ad una compagnia teatrale importante, che ebbe anche l’onore di fare rappresentazioni alla presenza della regina Elisabetta I e, alla morte di quest’ultima, davanti a Giacomo I Stuart, successore di Elisabetta.

    Questo fu probabilmente l’iniziativa che gli diede più fortuna economica, tanto da acquistare con i proventi numerose proprietà immobiliari in Stratford, nonché una quota della compagnia a cui apparteneva, di cui divenne anche amministratore.

    Shakespeare morì a 52 anni, lasciando nel testamento, un rilevante patrimonio a una delle figlie, e “il suo secondo miglior letto con il mobilio” alla moglie. Proprio così, alla moglie il letto …

    Molti studiosi di calibro mettono in dubbio che tutte le opere attribuitegli siano effettivamente state scritte da lui.

    Parliamo di Mark Twain e di Charles Dickens, per citare due nomi storici della letteratura inglese, che non mancarono di manifestare numerosi dubbi.

    In epoca recente, Dario Calimani, docente di letteratura inglese all’Università Cà Foscari di Venezia, nel suo saggio “William Shakespeare: i sonetti della menzogna”, dichiara che “non esiste un solo documento probante che leghi Shakespeare alle opere che gli sono attribuite”.

    Durante la sua vita, non ci fu alcuno scambio epistolare da parte sua con altri scrittori o letterati. Nessuno scrisse nulla alla sua morte.

    Nelle sue opere è citata spesso l’Italia, ma lui non si spostò mai da Stratford e Londra.

    Una cosa curiosa, che desta numerosi sospetti, è che un suo contemporaneo, tale John Florio, di origini italiane, era letterato di grande cultura, docente a Oxford, beneficiario di incarichi di grande prestigio da parte della Casa Reale.

    E’ stato Corrado Panzieri, cofondatore dell’Istituto di Studi Floriani di Milano, dopo venti anni di ricerche, ad ipotizzare che fu Florio a scrivere le opere, o la maggior parte di esse, che vennero poi attribuite a Shakespeare.

    Per qualche ragione, Florio stesso favorì, volontariamente o forse no, la loro attribuzione a William Shakespeare. Di certo, era un modo per dare loro maggiore diffusione, grazie all’apprezzamento riscosso dal pubblico da parte di quest’ultimo come attore di teatro.

    Sorpreso?

    E’ quanto avviene spesso in finanza.

    Abbiamo credenze consolidate, e ci sorprendiamo quando vengono messe in discussione.

    Le credenze, che sono in realtà scorciatoie del cervello, ci danno sicurezza. Abbiamo bisogno di certezze quando parliamo di denaro e amiamo intrappolare il nostro cervello in tutto ciò che aumenta il nostro livello di comfort.

    Se Fischer Black, Robert Merton e Myron Scholes si fossero appoggiati sulle credenze, non avrebbero sviluppato la formula che ha dato loro il Nobel e che viene utilizzata come metodo di calcolo del valore delle opzioni.

    Con lo stesso criterio, dobbiamo abbandonare le presunzioni di certezza. Mettere in discussione tutto. Rifondare le nostre aree di comfort.

    Una delle certezze tipiche che abbiamo è che in finanza dobbiamo seguire le previsioni e fare trading individuando la direzione del mercato.

    Fare trading sulle previsioni è semplicemente sbagliato, il trading è basato su un metodo.

    Non solo: se usi il metodo giusto, puoi guadagnare lo stesso, quando sbagli la direzione. E, con lo stesso metodo, se azzecchi la direzione guadagni anche di più.

    In un imperdibile webinar, ti illustriamo esattamente come puoi trarre profitto da una strategia in opzioni qualunque condizione si verifichi dopo che l’hai messa a mercato: o meglio, come puoi aumentare in modo determinante la probabilità di trarne profitto.

    ISCRIVITI AL WEBINAR



    ../ADV1/02.35.

    Rete Netvision


    la nuova tecnologia TV



    Tavole rotonde e dibattiti
    con partecipanti remoti
    in uno studio virtuale.

    Vedi i nostri programmi, crea i tuoi programmi.
    Sono visibili in tutto il mondo su Web o Smart-TV, possono avere la traduzione in tempo reale in decine di lingue.

    Sei sicuro che il tuo sito
    non sia penalizzato da Google?



    Il 90% dei siti è penalizzato da una realizzazione poco professionale ..."tanto il cliente non lo sa" !

    Verificare non ti costa nulla: vai al Test di Google
    ... se non ottieni almeno 90/100 hai un problema,
    ... se ti dà molto meno hai un GROSSO problema !


    Se hai dei problemi, noi te li possiamo risolvere.
    Te lo dimostriamo? Google valuta così il nostro sito.
    Riesci a trovare un altro sito con questa valutazione?

    ../ADV1/04-mms.15. MMS, nuova tecnologia
    per creare il tuo sito web



  • Le pagine si caricano velocemente, quindi non perdi visitatori (certificato da Google).

  • Facilissimo da usare: impari ad aggiornarlo in 15 minuti, non paghi più un programmatore per farlo.

  • ../ADV1/05-mmshops
    Visita MMSHOPS.ORG, il marketplace virtuale creato per esporre e vendere prodotti e servizi. Crea e gestisci uno showroom o un e-commerce per promuovere le tue attività B2B e B2C.


    ../ADV2/01

    Raddoppia valore della pensione!



    Trasferisciti in un paese dove la vita costa la metà, il clima è migliore e la gente è cordiale: vieni in Tunisia o in Portogallo, i paesi migliori per trasferirsi.

    Affitti Tunisia ti aiuta a trovare casa e a fare tutte le pratiche in questi paesi.

    ../ADV2/02

    Fai le vacanze senza i pesanti sovrapprezzi dei soliti portali del turismo. Contattaci QUI




    Alla tua azienda mancano professionisti o lavoratori qualificati? Noi li troviamo via web e li selezioniamo secondo le tue indicazioni.

    Puoi intervistarli in videoconferenza e, se decidi di assumerli, ci occupiamo delle pratiche per il trasferimento nel paese in cui dovranno lavorare.

    Operiamo in Canada, Francia, Italia, Spagna, Tunisia e Portogallo, direttamente o con importanti partner locali. Le figure professionali più richieste: medici, infermieri, programmatori, saldatori, e personale per l'edilizia.


    230117-giulio-cesare-shakespeare

    Tutto il mondo un palcoscenico e gli uomini e le donne sono soltanto attori


    Immagino che saresti disposto a giurare che William Shakespeare scrisse l’Amleto.
    di Maurizio Monti
    Editore Istituto Svizzero della Borsa

    Dai tempi della scuola e dell’Università, i tuoi professori di inglese hanno dato per certa la paternità dell’immenso repertorio di opere attribuite al grande drammaturgo inglese.

    In realtà, molti particolari della sua vita non quadrano affatto.

    Per certo, egli non si spostò mai dai luoghi dove era nato e dove esercitava la sua attività sicuramente accertata: che era quella di attore più che di scrittore.

    Shakespeare nacque il 23 aprile 1564 a Stratford-upon-Avon (Avon è un fiume), non lontano da Birmingham, la seconda città del Regno Unito.

    Oggi Stratford richiama turisti, che visitano la casa natale di Shakespeare, quella della mamma Mary Arden, la casa colonica di 12 stanze di sua moglie Anne Hathaway e, ovviamente, la tomba del grande William.

    Curiosa attrazione di Stratford è anche un Pub, il Black Swan (sì, il Cigno Nero, come quello di Taleb Nassim), dove si incontravano gli attori dopo gli spettacoli teatrali.

    Tutta la vita di Shakespeare è costellata di riservatezza e mistero, tanto che abbiamo in realtà poche informazioni di lui: salvo i documenti del battesimo dei figli, di fatto, fino al 1592 sappiamo quasi nulla di lui.

    Sono di quell’anno, invece, numerosi documenti che attestano la sua ascesa come attore.

    Oltre alla notorietà, come sempre accade, comparvero subito i primi detrattori, uno dei quali, Robert Greene, pubblicò una lunga invettiva dove definiva il rivale “un corvo parvenu”.

    In concomitanza con la frequente chiusura a cui andavano soggetti i teatri, a causa delle epidemie di peste, risultano pubblicati i sonetti e i poemi attribuitigli.

    Fu nel 1594, che Shakespeare si unì ad una compagnia teatrale importante, che ebbe anche l’onore di fare rappresentazioni alla presenza della regina Elisabetta I e, alla morte di quest’ultima, davanti a Giacomo I Stuart, successore di Elisabetta.

    Questo fu probabilmente l’iniziativa che gli diede più fortuna economica, tanto da acquistare con i proventi numerose proprietà immobiliari in Stratford, nonché una quota della compagnia a cui apparteneva, di cui divenne anche amministratore.

    Shakespeare morì a 52 anni, lasciando nel testamento, un rilevante patrimonio a una delle figlie, e “il suo secondo miglior letto con il mobilio” alla moglie. Proprio così, alla moglie il letto …

    Molti studiosi di calibro mettono in dubbio che tutte le opere attribuitegli siano effettivamente state scritte da lui.

    Parliamo di Mark Twain e di Charles Dickens, per citare due nomi storici della letteratura inglese, che non mancarono di manifestare numerosi dubbi.

    In epoca recente, Dario Calimani, docente di letteratura inglese all’Università Cà Foscari di Venezia, nel suo saggio “William Shakespeare: i sonetti della menzogna”, dichiara che “non esiste un solo documento probante che leghi Shakespeare alle opere che gli sono attribuite”.

    Durante la sua vita, non ci fu alcuno scambio epistolare da parte sua con altri scrittori o letterati. Nessuno scrisse nulla alla sua morte.

    Nelle sue opere è citata spesso l’Italia, ma lui non si spostò mai da Stratford e Londra.

    Una cosa curiosa, che desta numerosi sospetti, è che un suo contemporaneo, tale John Florio, di origini italiane, era letterato di grande cultura, docente a Oxford, beneficiario di incarichi di grande prestigio da parte della Casa Reale.

    E’ stato Corrado Panzieri, cofondatore dell’Istituto di Studi Floriani di Milano, dopo venti anni di ricerche, ad ipotizzare che fu Florio a scrivere le opere, o la maggior parte di esse, che vennero poi attribuite a Shakespeare.

    Per qualche ragione, Florio stesso favorì, volontariamente o forse no, la loro attribuzione a William Shakespeare. Di certo, era un modo per dare loro maggiore diffusione, grazie all’apprezzamento riscosso dal pubblico da parte di quest’ultimo come attore di teatro.

    Sorpreso?

    E’ quanto avviene spesso in finanza.

    Abbiamo credenze consolidate, e ci sorprendiamo quando vengono messe in discussione.

    Le credenze, che sono in realtà scorciatoie del cervello, ci danno sicurezza. Abbiamo bisogno di certezze quando parliamo di denaro e amiamo intrappolare il nostro cervello in tutto ciò che aumenta il nostro livello di comfort.

    Se Fischer Black, Robert Merton e Myron Scholes si fossero appoggiati sulle credenze, non avrebbero sviluppato la formula che ha dato loro il Nobel e che viene utilizzata come metodo di calcolo del valore delle opzioni.

    Con lo stesso criterio, dobbiamo abbandonare le presunzioni di certezza. Mettere in discussione tutto. Rifondare le nostre aree di comfort.

    Una delle certezze tipiche che abbiamo è che in finanza dobbiamo seguire le previsioni e fare trading individuando la direzione del mercato.

    Fare trading sulle previsioni è semplicemente sbagliato, il trading è basato su un metodo.

    Non solo: se usi il metodo giusto, puoi guadagnare lo stesso, quando sbagli la direzione. E, con lo stesso metodo, se azzecchi la direzione guadagni anche di più.

    In un imperdibile webinar, ti illustriamo esattamente come puoi trarre profitto da una strategia in opzioni qualunque condizione si verifichi dopo che l’hai messa a mercato: o meglio, come puoi aumentare in modo determinante la probabilità di trarne profitto.

    ISCRIVITI AL WEBINAR



    ../ADV1/02.35.

    Rete Netvision


    la nuova tecnologia TV



    Tavole rotonde e dibattiti
    con partecipanti remoti
    in uno studio virtuale.

    Vedi i nostri programmi, crea i tuoi programmi.
    Sono visibili in tutto il mondo su Web o Smart-TV, possono avere la traduzione in tempo reale in decine di lingue.

    Sei sicuro che il tuo sito
    non sia penalizzato da Google?



    Il 90% dei siti è penalizzato da una realizzazione poco professionale ..."tanto il cliente non lo sa" !

    Verificare non ti costa nulla: vai al Test di Google
    ... se non ottieni almeno 90/100 hai un problema,
    ... se ti dà molto meno hai un GROSSO problema !


    Se hai dei problemi, noi te li possiamo risolvere.
    Te lo dimostriamo? Google valuta così il nostro sito.
    Riesci a trovare un altro sito con questa valutazione?

    ../ADV1/04-mms.15. MMS, nuova tecnologia
    per creare il tuo sito web



  • Le pagine si caricano velocemente, quindi non perdi visitatori (certificato da Google).

  • Facilissimo da usare: impari ad aggiornarlo in 15 minuti, non paghi più un programmatore per farlo.

  • ../ADV1/05-mmshops
    Visita MMSHOPS.ORG, il marketplace virtuale creato per esporre e vendere prodotti e servizi. Crea e gestisci uno showroom o un e-commerce per promuovere le tue attività B2B e B2C.

    ../ADV2/01

    Raddoppia valore della pensione!



    Trasferisciti in un paese dove la vita costa la metà, il clima è migliore e la gente è cordiale: vieni in Tunisia o in Portogallo, i paesi migliori per trasferirsi.

    Affitti Tunisia ti aiuta a trovare casa e a fare tutte le pratiche in questi paesi.

    ../ADV2/02

    Fai le vacanze senza i pesanti sovrapprezzi dei soliti portali del turismo. Contattaci QUI




    Alla tua azienda mancano professionisti o lavoratori qualificati? Noi li troviamo via web e li selezioniamo secondo le tue indicazioni.

    Puoi intervistarli in videoconferenza e, se decidi di assumerli, ci occupiamo delle pratiche per il trasferimento nel paese in cui dovranno lavorare.

    Operiamo in Canada, Francia, Italia, Spagna, Tunisia e Portogallo, direttamente o con importanti partner locali. Le figure professionali più richieste: medici, infermieri, programmatori, saldatori, e personale per l'edilizia.


     PAGINE [ ultima: 5 ] [ precedenti: 4 - 3 - 2 - 1 - ]


    FLAI- FIJET (C.F. 10759460156)
    Via Modigliani 37 - 92019 SCIACCA (AG)
    Mail info@fijet.it - Tel. 339.8721309/338.4585627

    Privacy &
    Cookies



    FLAI- FIJET (C.F. 10759460156)
    Via Modigliani 37 - 92019 SCIACCA (AG)
    Mail info@fijet.it - Tel. 339.8721309/338.4585627

    Powered by MMS - © 2022 EUROTEAM