FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI - Free Lance Associazione Italiana

FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

                                           


Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013



Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013


FIJET News 2015


Expo di Milano. Massiccia la presenza della Sicilia

di Toti Piscopo 09 febbraio 2015


Sarà massiccia la presenza della Sicilia all’Expo di Milano e altrettanto massiccio l’investimento per un totale di oltre 11 milioni di cui 3 milioni di euro stanziati dall’assessorato all’Agricoltura; 4,3 milioni da quello delle Attività produttive e altrettanti per iniziative collegate.



Ben quattro gli assessorati interessati, oltre a quelli di Caleca e Vancheri, rispettivamente per il cluster e il padiglione Italia, anche i Beni culturali e il Turismo. E poi si dovranno trasferire a Milano da Aidone anche le statue di Demetra e Kore, come ricorda Repubblica Palermo.
La Regione avrà un duplice ruolo: da un lato gestirà uno spazio al padiglione Italia e lì organizzerà tre settimane di eventi. Dall’altro ha la responsabilità del “Cluster Biomediterraneo”, che raggrupperà 11 Paesi del Mediterraneo (Albania, Algeria, Egitto, Grecia, Libano, Libia, Malta, Montenegro, San Marino, Serbia e Tunisia).

“In un’area di oltre 4mila metri quadrati - ha spiegato Dario Cartabellotta, responsabile unico del cluster per la Regione Sicilia, official partner di Expo - ci saranno tutti i prodotti della tradizione siciliana. Il palinsesto degli eventi sarà suddiviso in vari momenti dalle 10 alle 23, dalla colazione mediterranea fino alle serate Mediterraneo by night”.

La Sicilia aprirà i suoi eventi "con la Settimana delle Isole (Pantelleria, Lampedusa, Eolie e Favignana). Poi proseguirà con l’area del Palermitano, quella del Trapanese, la costa mediterranea dell’isola, l’area barocca e l’Etna. Dal 14 al 21 settembre “una settimana sarà dedicata alla dieta mediterranea, riconosciuta come patrimonio immateriale dell’Unesco”.

Per il cluster esiste già una lista di aziende, Comuni, operatori turistici, università e chef: solo le aziende sono 549, i Comuni 136 e tutti i partecipanti pagheranno una quota di partecipazione fra 250 e 5.000 euro.

“Abbiamo deciso di stilare un bilancio separato e comunque non stanzieremo un euro oltre i tre milioni previsti - dice l’assessore all’Agricoltura Nino Caleca - anzi contiamo di chiudere addirittura in attivo utilizzando le somme ricavate per realizzare un altro evento in Sicilia. Incasseremo anche dalla vendita dei prodotti e lo scontrino rilasciato agli acquirenti servirà per entrare gratis in musei e siti archeologici siciliani. Intanto, giovedì 12 febbraio a Villa Niscemi terremo l’Expo Day con tutti i soggetti coinvolti”.  
 


 Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 -

Powered by MMS - © 2017 EUROTEAM