FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI - Free Lance Associazione Italiana

FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

                                           


Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013



Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013


FIJET News 2016


Gli stranieri promuovono il Bel Paese. Il 95% è soddisfatto e ritornerebbe

di Toti Piscopo 16 aprile 2016

L’Italia è bella. E piacciono l’arte, il cibo, la moda, i musei e lo shopping. Il 95% dei turisti è soddisfatto dell’intero percorso esperienziale fatto durante il soggiorno in Italia, persino gli ipercritici giapponesi.



Certo non mancano i giudizi critici, che puntano il dito (nemmeno a dirlo) su trasporti e infrastrutture.Criticità rilevate perlopiù da francesi e giapponesi, che vengono però perdonate o dimenticate. Prova ne sia che quasi il 95% degli intervistati tornerebbe a visitare il nostro Paese e, con analoghe percentuali, lo raccomanderebbe a parenti e amici.
 
Roma, Venezia, Firenze, Milano, Napoli sono le mete naturali per l’83% dei turisti, ma non scherzano nemmeno mare, montagna e laghi con la Toscana in testa per località minori visitate sia al mare che all’interno.
    
È la fotografia di come gli stranieri vedono l’Italia, scattata dalla ricerca “Mobilità, accoglienza, cultura e fascino. Il nostro Paese visto con gli occhi degli altri”, commissionata da Confimprese a Nielsen.
    
“Il turismo straniero è prevalentemente concentrato sulle città d’arte e sui più noti luoghi di villeggiatura - commenta Mario Resca, presidente Confimprese -. Dobbiamo promuovere un turismo più diffuso e sostenibile che raggiunga più capillarmente il nostro territorio. Uso integrato delle tecnologie e intermodalità sono due temi su cui lavorare per garantire ai visitatori facilità sia di informazione sia di spostamento attraverso l’Italia”.
   
Tra i turisti stranieri chi ha viaggiato in aereo apprezza puntualità del volo e pulizia in aeroporto, ma lamenta le code al controllo passaporti e le attese per il ritiro bagagli. Chi ha utilizzato il treno, esprime un giudizio molto positivo sull’Alta velocità e sugli IC/EC ma giudica negativamente i  regionali, dal costo dei biglietti alla sicurezza alla puntualità. Tra chi ha utilizzato l’autostrada, uno su tre è insoddisfatto dei prezzi del carburante, dei pedaggi autostradali e della pulizia dei servizi igienici. I giapponesi i più critici, gli americani i più appassionati ma anche i più spendaccioni (budget di 265 euro al giorno, viaggio escluso) insieme ai cinesi.


 Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 -

Powered by MMS - © 2017 EUROTEAM