FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI - Free Lance Associazione Italiana

FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

                                           


Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013



Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013


FIJET News 2016


Consegnato in Bulgaria, a Plovdiv, Capitale europea della Cultura 2019, il prestigioso “Apple Dorato” della FIJET. Al Presidente bulgaro Rosen Pleveneliev, il Presidente italiano Sergio Mattarella ha confermato che "l’Italia è favorevole alla piena integrazione della Bulgaria nel sistema Schengen"

di Giacomo Glaviano 12 settembre 2016

Presenti alla cerimonia di Provdiv le massime autorità: Tijani Haddad,presidente Fijet; Maxim Minchev, presidente Abujet; Plamen Starev, segretario generale Abujet; Nikolina Angelkova, ministro del turismo della Repubblica di Bulgaria; Ivan Totev, Sindaco di Plovdiv; Amelia Gesheva, deputato mayor della cultura e turismo del distretto, una delegazione della Federazione Internazionale di Giornalisti di Turismo e un folto pubblico, contento ed entusiasta per la consegna del premio alla loro città, considerata una delle più belle della Bulgaria, definita "la Firenze bulgara" per la bellezza del suo centro storico.


La visita in Bulgaria del Presidente Mattarella è avvenuta in un momento in cui Russia e Stati Uniti sono protagonisti di un dialogo per la Siria, "Paese di origine di molti dei flussi migratori", l’Unione europea "non puo’ essere solamente una spettatrice, ma occorre che attraverso il rilancio della politica estera e di sicurezza europea possa diventare una coprotagonista".

Mattarella ha ribadito che "E’ necessaria una maggiore politica europea per l’immigrazione e che solo un’azione coordinata e complessiva può fronteggiare questo fenomale epocale".

I 10 presidenti di Paesi dell’Unione europea per due giorni avranno una serie di conversazioni informali guidate da un’agenda minima che è gran parte centrata sulla crisi europea, sul futuro dei Balcani nell’Unione e sulla necessità di un approccio comune al problema delle migrazioni.

Plovdiv, antica Filippopoli, quindi ospita l’annuale riunione del gruppo “United for Europe”, un forum informale che riunisce ormai dal 2003 diversi capi di Stato non esecutivi della Ue. E che di conseguenza consente discussioni libere, al di fuori di alcune rigidità che caratterizzano i toni dei primi ministri spesso alle prese con dinamiche di politica interna.

Dopo la sessione in Germania, nel 2015 a Erfurt, sede della prima riunione, il gruppo di Arraiolos che ha preso il nome dalla piccola cittadina portoghese, si trova oggi a dover discutere degli stessi temi in un quadro sostanzialmente peggiorato dopo il trauma Brexit.


Su invito del presidente bulgaro Rosen Plevneliev si ritrovano a Plovdiv – capitale storica della Tracia e seconda città del paese dopo Sofia – i presidenti di Germania, Italia, Polonia, Ungheria, Slovenia, Estonia, Portogallo, Finlandia e Malta per “mantenere sempre alta la solidarietà europea, occasione unica per una riflessione senza filtri ed aperta alla franchezza tra Paesi dell’Unione che hanno visioni ancora contrapposte sulle ricette anti-crisi e sugli strumenti per confrontarsi con le ondate migratorie.


 Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 -

Powered by MMS - © 2017 EUROTEAM