FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI - Free Lance Associazione Italiana

FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

                                           


Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013



Archivio News 2017


Archivio News 2016


Archivio News 2015


Archivio News 2014


Archivio News 2013


FIJET News 2016


Volano per il turismo green e mobilità i binari dimenticati

di Giacomo Glaviano 13 novembre 2016

Le Ferrovie dello Stato vendono i suoi binari dismessi, cedendoli a prezzi str4acciati a Comuni e Regioni che pagherebbero con fondi statali e europei.
 


"In Sicilia esiste un terzo del patrimonio italiano di linee dismesse, se queste linee fossero trasformate in piste ciclabili, le vecchie stazioni in ostelli e ristoranti o centri di vendita di prodotti tipici, arte, archeologia, artigianato e turismo sarebbero messi a sistema creando occupazione e facendo emergere le eccellenze dell’Isola".

Lo ha detto alla Fiera Ecomondo di Rimini l’amministratore delegato delle FS Renato Mazzoncini, dove ha presentato il dossier che include i 1500 km di ferrovie italiane dismesse, delle quali 24 si trovano in Sicilia.

L’Isola conta 444 chilometri di binari dismessi: dai quasi 80 km della Dittaino-Caltagirone ai 400 m della Palermo Centrale-Porto. Tracciati disseminati di svariati tipi di costruzioni, dai caselli a stazioni e depositi e poi ponti, viadotti e gallerie. Solo sui 24,2 km della Terme Vigliatore-Messina Scalo sono presenti 20 case cantoniere 5 stazioni e via dicendo. Molte di queste linee non hanno neanche i binari ma posseggono tutte quella infrastrutture necessarie per essere trasformate in percorsi ciclabili o di trekking dove gli edifici presenti potrebbero ospitare varie attività legate al turismo.

Inoltre, alcune linee censite come la Magazzolo-Lercara Bassa, la Salaparuta-Castelvetrano, Carini-Punta Raisi, Palermo Centrale-Porto, Mazara del Vallo-Mazara del Vallo Porto ecc potrebbero essere trasformate  e inserite nei piani di mobilità delle cittadine siciliane interessate.


 Pagina: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 -

Powered by MMS - © 2017 EUROTEAM