FLAI - Free Lance Associazione Italiana
FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

FLAI - Free Lance Associazione Italiana

FIJET - Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme

HOME PAGE
FLAI-FIJET
NEWS 2018
GALLERY
LINK UTILI

HOME PAGE

FLAI-FIJET

NEWS 2018

GALLERY

LINK UTILI



Aperto-a-Sambuca-di-Sicilia-il-Museo-Diocesano-di-Arte-Sacra

di Antonella Munoz Di Giovanna - 05 gennaio 2018
Presenti alla cerimonia l'assessore ai beni culturali Vittorio Sgarbi e le massime autorità civili, militari e religiose

Allestito all’interno della Chiesa del Purgatorio il nuovo museo accoglie nelle sale restaurate le opere d’arte raccolte e custodite all’indomani del devastante terremoto del 1968 che colpì la Valle del Belice. Il progetto dii recupero della chiesa ha interessato oltre al corpo centrale della stessa, i locali adiacenti, un tempo sagrestia e oratorio.

Il Mudia è l’esito positivo di una collaborazione tra Pubblico e Privato, infatti la Curia Arcivescovile, la Conferenza Episcopale Italiana, il Comune di Sambuca e la Sovrintendenza di Agrigento hanno unito le proprie specifiche competenze mettendosi a servizio del territorio, ottenendo un risultato di altissima qualità, un Museo di Arte Sacra, espressione del valore culturale di questa comunità che da secoli coniuga fede, arte e tradizione.
L'itinerario museale si sviluppa all'interno di quattro sale con un percorso tematico: la prima sala detta Feliciana con opere del pittore Fra Felice da Sambuca e lo spazio destinato alla scultura lignea.Poi la Sala Planeta con i cimeli appartenuti a Mons. Diego Planeta ultimo Giudice della Apostolica Legazia e Arcivescovo di Brindisi.

Nelle altre due sale sono esposti vasi e suppellettili in argento e paramenti sacri realizzati molto probabilmente nei due cenobi sambucesi, il Monastero Benedettino e il Collegio di Maria.Infine la sala dedicata a San Giorgio, sala voluta con forza dall’architetto Cacioppo, qui sono esposti diverse opere d’arte salvate alla demolizione della chiesa omonima nel 1959. Al suo interno un mezzobusto reliquiario d'argento del Santo, due statue lignee della fine del Cinquecento, un quadro raffigurante 'I Santi Quattro Martiri Coronati' attribuito a Pietro Novelli, un affresco medievale della Madonna del Latte.
L'apertura di questa chiesa e l'inaugurazione del Museo d'Arte Sacra - dice il sindaco Ciaccio - è il primo evento inserito nel ricco calendario di iniziative per il 50mo anniversario del terremoto del Belice. Un segnale di rinascita e di bellezza. Con la sottoscrizione della Convenzione con la Curia di Agrigento e la Sovrintendenza - ha aggiunto - il Mudia restituisce a Sambuca e ai sambucesi un insostituibile recupero della memoria, grazie all’esposizione delle testimonianze di una lunga tradizione che ha saputo coniugare i valori del Sacro, del Bello, dell’Antico.
Il MUDIA è oggi una realtà che testimonia il lungo percorso di fede e di eccellenza artistica attraverso la storia, custode oggi della memoria di luoghi non più esistenti o danneggiati, resterà aperto ogni giorno da Martedì a Domenica e si aggiunge al già ricco percorso offerto ai turisti che visiteranno Sambuca uno dei Borghi più belli d’Italia.
'Un museo realizzato all'interno di una chiesa molto bella che coniuga la spiritualità con l'arte e con una forte identità' così ha commentato l'apertura del MUDiA l'assessore regionale ai beni culturali Vittorio Sgarbi a conclusione della cerimonia inaugurale coordinata dall'assessore alla cultura Giuseppe Cacioppo,alla quale sono intervenuti anche la Sovrintendente di Agrigento Gabriella Costantino, Don Giuseppe Pontillo Direttore del Museo Diocesano di Agrigento, Don Lillo Di Salvo arciprete di Sambuca e Mons. Butera, Vicario della Curia di Agrigento.


Un nuovo modo di gestire i siti


Con MMS non serve uno specialista per gestire un sito:
chiunque in un quarto d'ora impara a farlo da solo.


Non più costi di programmatori per gestire il proprio sito, non più siti vecchi perché manca qualcuno in grado di aggiornare i contenuti. Anche il sito FIJET è fatto con MMS

Se vuoi un sito facile da gestire, che si aggiorna molto rapidamente e costa molto poco CONTATTACI.
 


Business Network internazionale

dove le piccole imprese e gli operatori turistici
promuovono sul web i loro prodotti e servizi
senza costi di sviluppo siti e di programmatori



Business in China

Il Gruppo di interesse Linkedin di chi è interessato ad attività commerciali con la China. Oltre 60.000 iscritti!


Aperto-a-Sambuca-di-Sicilia-il-Museo-Diocesano-di-Arte-Sacra

di Antonella Munoz Di Giovanna - 05 gennaio 2018
Presenti alla cerimonia l'assessore ai beni culturali Vittorio Sgarbi e le massime autorità civili, militari e religiose

Allestito all’interno della Chiesa del Purgatorio il nuovo museo accoglie nelle sale restaurate le opere d’arte raccolte e custodite all’indomani del devastante terremoto del 1968 che colpì la Valle del Belice. Il progetto dii recupero della chiesa ha interessato oltre al corpo centrale della stessa, i locali adiacenti, un tempo sagrestia e oratorio.

Il Mudia è l’esito positivo di una collaborazione tra Pubblico e Privato, infatti la Curia Arcivescovile, la Conferenza Episcopale Italiana, il Comune di Sambuca e la Sovrintendenza di Agrigento hanno unito le proprie specifiche competenze mettendosi a servizio del territorio, ottenendo un risultato di altissima qualità, un Museo di Arte Sacra, espressione del valore culturale di questa comunità che da secoli coniuga fede, arte e tradizione.
L'itinerario museale si sviluppa all'interno di quattro sale con un percorso tematico: la prima sala detta Feliciana con opere del pittore Fra Felice da Sambuca e lo spazio destinato alla scultura lignea.Poi la Sala Planeta con i cimeli appartenuti a Mons. Diego Planeta ultimo Giudice della Apostolica Legazia e Arcivescovo di Brindisi.

Nelle altre due sale sono esposti vasi e suppellettili in argento e paramenti sacri realizzati molto probabilmente nei due cenobi sambucesi, il Monastero Benedettino e il Collegio di Maria.Infine la sala dedicata a San Giorgio, sala voluta con forza dall’architetto Cacioppo, qui sono esposti diverse opere d’arte salvate alla demolizione della chiesa omonima nel 1959. Al suo interno un mezzobusto reliquiario d'argento del Santo, due statue lignee della fine del Cinquecento, un quadro raffigurante 'I Santi Quattro Martiri Coronati' attribuito a Pietro Novelli, un affresco medievale della Madonna del Latte.
L'apertura di questa chiesa e l'inaugurazione del Museo d'Arte Sacra - dice il sindaco Ciaccio - è il primo evento inserito nel ricco calendario di iniziative per il 50mo anniversario del terremoto del Belice. Un segnale di rinascita e di bellezza. Con la sottoscrizione della Convenzione con la Curia di Agrigento e la Sovrintendenza - ha aggiunto - il Mudia restituisce a Sambuca e ai sambucesi un insostituibile recupero della memoria, grazie all’esposizione delle testimonianze di una lunga tradizione che ha saputo coniugare i valori del Sacro, del Bello, dell’Antico.
Il MUDIA è oggi una realtà che testimonia il lungo percorso di fede e di eccellenza artistica attraverso la storia, custode oggi della memoria di luoghi non più esistenti o danneggiati, resterà aperto ogni giorno da Martedì a Domenica e si aggiunge al già ricco percorso offerto ai turisti che visiteranno Sambuca uno dei Borghi più belli d’Italia.
'Un museo realizzato all'interno di una chiesa molto bella che coniuga la spiritualità con l'arte e con una forte identità' così ha commentato l'apertura del MUDiA l'assessore regionale ai beni culturali Vittorio Sgarbi a conclusione della cerimonia inaugurale coordinata dall'assessore alla cultura Giuseppe Cacioppo,alla quale sono intervenuti anche la Sovrintendente di Agrigento Gabriella Costantino, Don Giuseppe Pontillo Direttore del Museo Diocesano di Agrigento, Don Lillo Di Salvo arciprete di Sambuca e Mons. Butera, Vicario della Curia di Agrigento.


Un nuovo modo di gestire i siti


Con MMS non serve uno specialista per gestire un sito:
chiunque in un quarto d'ora impara a farlo da solo.


Non più costi di programmatori per gestire il proprio sito, non più siti vecchi perché manca qualcuno in grado di aggiornare i contenuti. Anche il sito FIJET è fatto con MMS

Se vuoi un sito facile da gestire, che si aggiorna molto rapidamente e costa molto poco CONTATTACI.
 


Business Network internazionale

dove le piccole imprese e gli operatori turistici
promuovono sul web i loro prodotti e servizi
senza costi di sviluppo siti e di programmatori



Business in China

Il Gruppo di interesse Linkedin di chi è interessato ad attività commerciali con la China. Oltre 60.000 iscritti!


Aperto-a-Sambuca-di-Sicilia-il-Museo-Diocesano-di-Arte-Sacra

di Antonella Munoz Di Giovanna - 05 gennaio 2018
Presenti alla cerimonia l'assessore ai beni culturali Vittorio Sgarbi e le massime autorità civili, militari e religiose

Allestito all’interno della Chiesa del Purgatorio il nuovo museo accoglie nelle sale restaurate le opere d’arte raccolte e custodite all’indomani del devastante terremoto del 1968 che colpì la Valle del Belice. Il progetto dii recupero della chiesa ha interessato oltre al corpo centrale della stessa, i locali adiacenti, un tempo sagrestia e oratorio.

Il Mudia è l’esito positivo di una collaborazione tra Pubblico e Privato, infatti la Curia Arcivescovile, la Conferenza Episcopale Italiana, il Comune di Sambuca e la Sovrintendenza di Agrigento hanno unito le proprie specifiche competenze mettendosi a servizio del territorio, ottenendo un risultato di altissima qualità, un Museo di Arte Sacra, espressione del valore culturale di questa comunità che da secoli coniuga fede, arte e tradizione.
L'itinerario museale si sviluppa all'interno di quattro sale con un percorso tematico: la prima sala detta Feliciana con opere del pittore Fra Felice da Sambuca e lo spazio destinato alla scultura lignea.Poi la Sala Planeta con i cimeli appartenuti a Mons. Diego Planeta ultimo Giudice della Apostolica Legazia e Arcivescovo di Brindisi.

Nelle altre due sale sono esposti vasi e suppellettili in argento e paramenti sacri realizzati molto probabilmente nei due cenobi sambucesi, il Monastero Benedettino e il Collegio di Maria.Infine la sala dedicata a San Giorgio, sala voluta con forza dall’architetto Cacioppo, qui sono esposti diverse opere d’arte salvate alla demolizione della chiesa omonima nel 1959. Al suo interno un mezzobusto reliquiario d'argento del Santo, due statue lignee della fine del Cinquecento, un quadro raffigurante 'I Santi Quattro Martiri Coronati' attribuito a Pietro Novelli, un affresco medievale della Madonna del Latte.
L'apertura di questa chiesa e l'inaugurazione del Museo d'Arte Sacra - dice il sindaco Ciaccio - è il primo evento inserito nel ricco calendario di iniziative per il 50mo anniversario del terremoto del Belice. Un segnale di rinascita e di bellezza. Con la sottoscrizione della Convenzione con la Curia di Agrigento e la Sovrintendenza - ha aggiunto - il Mudia restituisce a Sambuca e ai sambucesi un insostituibile recupero della memoria, grazie all’esposizione delle testimonianze di una lunga tradizione che ha saputo coniugare i valori del Sacro, del Bello, dell’Antico.
Il MUDIA è oggi una realtà che testimonia il lungo percorso di fede e di eccellenza artistica attraverso la storia, custode oggi della memoria di luoghi non più esistenti o danneggiati, resterà aperto ogni giorno da Martedì a Domenica e si aggiunge al già ricco percorso offerto ai turisti che visiteranno Sambuca uno dei Borghi più belli d’Italia.
'Un museo realizzato all'interno di una chiesa molto bella che coniuga la spiritualità con l'arte e con una forte identità' così ha commentato l'apertura del MUDiA l'assessore regionale ai beni culturali Vittorio Sgarbi a conclusione della cerimonia inaugurale coordinata dall'assessore alla cultura Giuseppe Cacioppo,alla quale sono intervenuti anche la Sovrintendente di Agrigento Gabriella Costantino, Don Giuseppe Pontillo Direttore del Museo Diocesano di Agrigento, Don Lillo Di Salvo arciprete di Sambuca e Mons. Butera, Vicario della Curia di Agrigento.


Un nuovo modo di gestire i siti


Con MMS non serve uno specialista per gestire un sito:
chiunque in un quarto d'ora impara a farlo da solo.


Non più costi di programmatori per gestire il proprio sito, non più siti vecchi perché manca qualcuno in grado di aggiornare i contenuti. Anche il sito FIJET è fatto con MMS

Se vuoi un sito facile da gestire, che si aggiorna molto rapidamente e costa molto poco CONTATTACI.
 


Business Network internazionale

dove le piccole imprese e gli operatori turistici
promuovono sul web i loro prodotti e servizi
senza costi di sviluppo siti e di programmatori



Business in China

Il Gruppo di interesse Linkedin di chi è interessato ad attività commerciali con la China. Oltre 60.000 iscritti!

 PAGINE [ più recente: 26 ] [ archivio: 25 - 24 - 23 - 22 - 21 - 20 - 19 - 18 - 17 - 16 - 15 - 14 - 13 - 12 - 11 - 10 - 9 - 8 - 7 - 6 - 5 - 4 - 3 - 2 - 1 - ]

FLAI - Via Modigliani 37
92019 SCIACCA (AG)
Tel. 339.8721309 / 338.4585627
Mail info@fijet.it
C.F. 10759460156

Privacy &
Cookies



FLAI - Via Modigliani 37
92019 SCIACCA (AG)
Tel. 339.8721309 / 338.4585627
Mail info@fijet.it
C.F. 10759460156

Powered by MMS - © 2017 EUROTEAM